Featured Posts

Neil Young - Hitchhiker

Una nuova gemma riaffiora dagli archivi di Neil Young: un disco acustico, solista, registrato nel 1976 con lo storico produttore David Briggs.

David Crosby - Sky Trails

Terzo album in appena quattro anni, il nuovo sofisticato lavoro del membro più anziano di CSN&Y è un'altra prova della sua ritrovata creatività.

Crosby Stills Nash & Young

Quella di Crosby, Stills, Nash & Young è una storia tutta particolare nel mondo della musica rock. Non un vero gruppo, piuttosto quattro individualità, quattro personalità forti legate da un rapporto artistico ed umano che avrebbe fatto la felicità di Freud.

Neil Young

Sulla scena da mezzo secolo, il solitario di Topanga è un perfetto esempio di eclettismo musicale a 360°. Da icona del country-rock anni 70 a padrino del grunge anni 90, la sua musica sconfina nei territori più disparati pur mantenendo una forte coerenza personale.

Neil Young - The Oral History

I dischi di Neil Young raccontati in prima persona: una collezione di interviste d'archivio a Young, i suoi musicisti e i produttori.

mercoledì 15 febbraio 2017

La situazione richiede che se ne parli: interviste a Neil Young


Estratti dall'intervista a Relix, gennaio 2017

Neil Young: [I Promise Of The Real] sono una band fantastica, hanno un fantastico groove. […] Quando suoniamo insieme possiamo improvvisare e fare jam, e cantano anche tutti molto bene. Sono molto più intonati di me. Eravamo nel sito di Keystone [oleodotto, Dakota] per protestare contro l'invasione dei terreni agricoli. Eravamo tutti lì, così ho detto “Vi faccio sentire un paio di canzoni che vorrei fare”, e le abbiamo fatte. “Who's Gonna Stand Up?” è stata una delle prime che abbiamo imparato. […]
Loro amano la mia musica e mi danno sempre suggerimenti sulle canzoni. E io so che qualsiasi canzone mi venga in mente di fare, loro la possono imparare appena gliela faccio sentire. Questo mi permette di suonare centinaia di canzoni, cosa che non è mai successa prima nella mia vita. È molto divertente ed è per questo che sto continuando, perché è davvero bello. […]
Ho suonato con i Promise Of The Real e sto suonando ancora con loro, ma di recente non erano disponibili. […] Erano in tour, mentre io avevo delle nuove canzoni che volevo registrare subito, quindi ho chiamato Jimmy [Keltner, batterista su Peace Trail]. Siamo buoni vecchi amici che sanno come suonare insieme e star bene, quindi per l'album ho scelto questa strada. […]
Alcune di queste canzoni parlano di cose che stanno succedendo proprio ora. I popoli delle Prime Nazioni e le multinazionali stanno facendo un testa a testa ed è un momento storico. Probabilmente andrà avanti tutto l'inverno ingigantendosi sempre di più. […] La situazione ora è anche più grave di quando ho scritto le canzoni. Questa cosa si ingigantisce, diventa il monito di una situazione che stiamo affrontando in questo paese, così come in altri paesi, e perciò ha una risonanza collettiva. Le multinazionali controllano il nostro governo, ecco cosa sta succedendo. Ora qualcuno sta tenendo loro testa. Quando qualcuno dice “Questo non lo potete fare”, loro rispondono “Lo faremo comunque”. […]
Faccio musica da un sacco di tempo e quello che io sento è ciò che voglio che senta la gente. Ecco perché faccio dischi. Quindi ho paura di come la gente ascolterà ciò che io creo, perché so come sarà percepito alla fine. Ci penso, a questo. Quando dico “Ascolto Jimi Hendrix”, significa che sto ascoltando qualcosa proveniente da un lettore mp3 e da un paio di auricolari, con l'audio di una pessima televisione o qualcosa di simile. È molto letterale. È una descrizione parola per parola. […] Tutte le canzoni sono nate nella mia stanza mentre mi guardavo intorno. Vanno e vengono, da seduto o da in piedi, ciascuna per sé. Non sono costruite pensando a nient'altro fuorché la canzone stessa. Non sono pensate per adeguarsi a una certa band o a un certo sound. […]
Tutte le mie canzoni [del passato] sono semplicemente individuali, non le vedo come una risposta [all'attuale clima politico americano]. Le vedo come momenti individuali. Alcuni resteranno in piedi e suoneranno attuali anche tra diversi anni, è semplicemente la loro natura. “After The Gold Rush” è una canzone che ora sembra avere particolare rilevanza, ho visto che il pubblico l'ha avvertita in modo particolare negli ultimi concerti. È buffo il fatto che succeda così, che vadano e vengano, ma io faccio semplicemente ciò che faccio: scrivo canzoni per come mi sento di scriverle e poi le suono. […]
Ci ho messo molto amore nel realizzarlo [il live-album Earth]. Abbiamo infranto le regole del disco dal vivo, non abbiamo cercato di farlo sembrare live. Credo che la nostra post-produzione per Earth sia durata circa quattro mesi – ci sono molti livelli costruiti sull'esecuzione live delle canzoni, pur mantenendo il mixaggio live originale. Non le abbiamo remixate, ma abbiamo aggiunto evidenti sovraincisioni e le abbiamo usate più come se fossero parte di un romanzo che non di un disco. Avevamo tantissime idee, come se fosse parte di qualcosa di più grande – un'immagine che, se la ingrandisci, si rivela essere un live. Ma se ti allontani scopri che c'è tutto un insieme di altre cose. È una storia sulla Terra.


Estratti dall'intervista a Mojo, febbraio 2017
 
Neil Young: Le cose stanno così, questo è quello che faccio ora. Pagate per vedermi dal vivo. Bene, questo sono io. […] Quando qualcosa è reale, è questo che succede. È un buon esempio per una serie di cose che potreste vedere quest'anno da parte degli artisti. A causa della situazione che stiamo vivendo, di cui un artista è consapevole e ne viene stimolato. È come innaffiare un giardino. La situazione richiede che se ne parli. […]
Sono state le canzoni a dire quando erano pronte. Avrebbero potuto esser state fatte da chiunque. Ma il modo in cui sono state realizzate è come il vento che soffia. Se provi a evitare di suonare proprio tutto, accadranno cose interessanti. […]
Siamo tornati negli anni 60. Abbiamo un nuovo presidente ed è come acqua per il giardino dell'attivismo. Ogni passo che farà per allontanare ciò per cui tanta gente ha lavorato o dato la vita, sarà ostacolato dalla forza della maggioranza della gente che ha votato. […]
Non è che “Ohio”, una canzone, abbia mai avuto una chance di cambiare la natura umana. La natura umana è qualcosa che cambia per molte ragioni e in un tempo molto lungo. [Il valore della canzone] è nel fatto che oggi ce la ricordiamo. La abbiamo citata, ci siamo tornati sopra. C'è qualcosa tra la musica e i fatti, sia che si incontrino esplicitamente oppure no. Quando coesistono, accade qualcosa a livello di informazione. E dura nel tempo. […]
[Il nuovo sito web di Archives] conterrà tutta la mia musica. Potrete ascoltarla e leggerla, vedere come si collega ad altre mie canzoni e anche agli eventi globali – le cose che capitavano nel mondo in quel momento. […]
Penso che CSNY abbiano molte possibilità di tornare insieme. Non sono contrario, anche se in questo momento non sono interessato. Ma di sicuro non intendo chiudere questa porta e smettere di ascoltare questi ragazzi e suonare con loro. Ci sono molte cose che devono essere risolte. Ma i fratelli e le famiglie fanno proprio questo. Vedremo cosa accadrà. Io sono disponibile. Non penso di essere io l'ostacolo maggiore.

Jim Keltner: [Neil] ci ha raccontato una breve storia a proposito di ciascuna delle canzoni, su come sono nate. [Per esempio] ha parlato di svegliarsi e rompere un vetro. Gli era appena capitato quel mattino. Stava ancora scrivendo il pezzo [“Glass Accident”] quando è venuto in studio. […]
[Peace Trail] è stato messo insieme così frettolosamente... Ma Neil riesce a convincerti che funzionerà. Lo conosco bene sotto questo aspetto. Ti ci farà appassionare in qualche modo. È questo che fanno le persone vere, gli artisti autentici. In questo momento della sua vita Neil sta cercando di dire qualcosa di significativo al mondo in cui viviamo. I suoi sforzi mirano a questo – oltre a suonare meglio che mai. Su Peace Trail la chitarra è ipnotica. È Neil al suo apice. 
Mojo
Thrasherswheat
Traduzioni di MPB, Rockinfreeworld